Post più popolari

domenica 3 gennaio 2021

221. NEW RELEASES 2020: Articolo e Compilation

 Altri post correlati: LISTA COMPILATION Edp

Qui ascolti la Compilation su Bandcamp

INTRO

Il 2020 è passato, anno bisesto e funesto nella sua tragicità, segnato da una pandemia virale che ha mietuto vittime e tenuto in scacco molte realtà economiche: i settori del turismo e dello spettacolo i maggiormente colpiti.

Nonostante questo le band che avevano in programma la pubblicazione del proprio album hanno mantenuto le scadenze e anche in quest'anno sono molti i dischi che hanno visto la luce. C'è chi ha pubblicato prima del periodo di lockdown, dovendo però interrompere il proprio tour (per es. gli OvO), chi ha invece pubblicato in pieno blocco nazionale (Zolle, Gold Miners Night Club, I-Taki Maki, Duimeir, Anice) e chi nel corso dell'anno intero.

Qui di seguito ho radunato le pubblicazioni (album o singoli) dei duo chitarra-batteria nazionali rilasciati nel 2020, in ordine di stampa, e alcuni dei loro brani fanno parte anche di una compilation on line sul nostro profilo Bandcamp, con la copertina a tema disegnata per noi niente meno che da Berlikete, il noto disegnatore e chitarrista del duo lodigiano Zolle, che per l'occasione ha interpretato musicalmente il famigerato Covid-19... Qui la track list:

LA COMPILATION ON AIR

RADIO CITTA' APERTA Roma, Giovedì 14.1.2021 Ore 16.00-17.45 "Pink Twice": Alessandra Cantilena presenta la compilation con passaggio radio di tutti i brani (Ascolta qui)

ROCKABOUT RADIO Trento, Venerdì 15.1.2021 "Novità dalle nostre parti": Max Bortolameotti presenta la compilation e l'articolo e trasmetterà gli OvO, un brano dal loro Miasma, parlando di quando hanno suonato in questa regione (Qui il podcast)

RADIO CITTA' APERTA Roma, 20.1 2021 Ore 18.30-19.00 "Non smorzà, Abbassa": è la volta di Riccardo Mameli che dedica una mezzoretta alla nostra compilation, con intervista a Giusy Elle e passaggio radio di 4 brani.

RADIO ONDA D'URTO Brescia, 27.1.2021 Ore 16 o 17.20 (dettagli in prossimità dell'evento)  "Baraonda d'Urto": Simone Cavagnini dedica 30-40' per parlare con Giusy Elle della compilation e trasmettere 4-5 brani

 

LE PUBBLICAZIONI DISCOGRAFICHE DEL 2020

MILF MistressO))) 7 Gennaio 2020 (Singolo)

Giunge da Pescara questo duo storico, fondato nel 2009 da Alessandro Sax di Fabrizio alla chitarra e Carlo Neri alla batteria a seguito dello scioglimento del trio Keep Out. La loro musica è un mix di metal, mathrock e jazzcore in una miscela personale ed esplosiva, apparentemente caotica nella sua lucida follia, che vede un terzo elemento dietro le quinte della band: Fabio di Zio, voce dei Sax This Candy e meglio conosciuto come Artista Sadico, che di volta in volta svolge i ruoli di fonico, produttore e per un periodo anche cantante del duo. In tutti questi anni il Progetto M.I.L.F è stato più o meno attivo, a seconda degli impegni dei vari componenti, ma sempre presente nella scena underground marchigiana. Due gli album in studio mentre dopo l'ultimo lavoro discografico, God Save the Teen del 2016, il duo mascherato si concentra sulla pubblicazione di singoli, corredati di provocanti video a sfondo sessuale, uno dei quali anche bandito dalla rete, girati dagli stessi appartenenti alla band. Come si intuisce dal titolo, c'è un concept specifico alla base del duo, trattato però con goliardia e senso critico.

Don Alejandro e Artista Sadico sono i due vocalist che hanno prestato il loro contributo sulla traccia dei colleghi Vulbo (qui il nostro articolo su di loro) nella nostra InstrumentalVs Vocalist Compilation, mentre "Mistresso" è l'ultimo singolo, pubblicato ad inizio 2020, gentilmente concesso per questa nuova compilation; è stato girato anche un videoclip della traccia. Ma per sapere di più su questo controverso duo marchigiano, rimando all'ultimo articolo Edp su di loro, con i collegamenti alle vecchie interviste ai Milf (qui).

Link band: Facebook / Bandcamp / Video

 

OVO Miasma (Artoffact) 7 Febbbraio 2020 (Lp)

Nel ventesimo anno della loro carriera gli OvO (Stefania Pedretti e Bruno Dorella), duo chitarra-batteria nazionale di noise estremo conosciuto in tutto il mondo, pubblica un nuovo capitolo della propria discografia. Miasma, quasi a presagire il malefico morbo che si stava per diffondere, deve in realtà il suo nome al sound raggiunto dalla band, un livello sonoro "denso e palpabile, nella sua lordura", come ci rivela lo stesso Dorella, formato da un amalgama di elettronica (introdotta nel 2013 con l'album Abisso) e strumenti tradizionali, che rende unici gli OvO in questo risultato. L'album, che originariamente voleva essere solo elettronico, rimane nei binari intrapresi negli ultimi anni dalla band, raggiungendo però picchi qualitativi sempre più elevati; la Canadese Artoffact Records è l'etichetta a supporto di questo nuovo capitolo del duo. Il tour europeo viene invece interrotto a un terzo del suo svolgimento causa chiusura delle frontiere a contrasto della divulgazione del Covid-19; verrà ripreso in tarda estate per portare a compimento almeno alcune delle date programmate. Per ogni approfondimento sull'album e l'intervista con la band, rimando al nostro articolo di approfondimento (qui).

Gli OvO sono presenti anche nella Instrumental Vs Vocalist Compilation grazie a Stefania, la chitarrista e vocalist del duo, che ha prestato il suo apporto vocale per impreziosire un brano dei Raìse.

Link band: Facebook / Sito / Ascolto dell'album / Video


RAI'SE Crepa 29 Febbraio 2020 (Lp autoprodotto)

Esce il primo album del duo vicentino Raìse, di recente formazione, formato da Fabio Silvestri, (chitarra) e Luca Brunello (batteria -ex Mangia Margot). L'album strumentale Crepa, di matrice hardcore ma in un'interessante versione personale, doveva essere pubblicato ancora a fine 2019 ma per vicissitudini varie non vede luce fino a quest'anno, giusto in tempo per comparire nella nostra prima compilation annuale. Pubblicato autonomamente, durante l'anno il duo ha preso contatti internazionali e, grazie alla Five Roses Press di Julien Fernandez, l'album è stato distribuito in tutta Europa; sono in corso anche promettenti trattative con una nota etichetta indipendente nazionale. Per ogni approfondimento sul duo e sull'album non perdete l'intervista e la recensione sul nostro articolo Edp.

I Raìse sono inoltre presenti nella Instrumental Vs Vocalist Compilation: il brano "Commuovelalegge", dedicato all'anarchico Bartolomeo Vanzetti, vede in questa versione featuring la collaborazione con Stefania Pedretti degli OvO mentre il brano "Driepapegaaien" fa parte di questa compilation degli album del 2020.

Link band: Facebook / Ascolto dell'album / Video

 

ENS-O Ensemble-0.1 11 Marzo 2020 (Ep autoprodotto)

Duo strumentale trentino che oltre agli strumenti tradizionali affianca molta elettronica. Un progetto principalmente live, quello di

Stefano Pegoretti (Chitarre, tastiere, live electronics) e Nicola Pandini

(Percussioni acustiche ed elettroniche, live electronics, visuals) che predilige sessioni improvvisate secondo il contesto del momento. Anche i video che accompagnano le esibizioni sono generati in tempo reale. Per questo motivo, nonostante il duo sia attivo dal 2014, è solo nel corso di quest'anno che ha visto la luce il loro primo album in studio, Ensemble-0.1, arricchito in alcuni pezzi anche dalla traccia di basso. A rappresentanza di questo Ep di 4 brani, autoprodotto, ci lasciano "Beyond Old Infrared Neon Emotions, Part One" dove un suono di basso viene lanciato in loop dal pad di Nicola. Il brano "Damai", invece, è stato messo a disposizione per la nostra Instrumental Vs Vocalist Compilation dove compare in featuring con la nota sound artist bresciana Claudia Ferretti Isonde

Link band: Facebook / Ascolto dell'album / Video


I-TAKI MAKI Misfit Children (La Valvola) 23 Marzo 2020 (Lp)

Duo composto da Luca 'strAw' (Chitarra e voce) e Maria 'Mimmi' (Batteria e voce principale). Originari da Alatri, in provincia di Frosinone, fondano il duo nel 2012 e dopo 3 anni si trasferiscono stabilmente a Berlino, dove risiedono tuttora. Il loro Alt Rock subisce un lungo processo di evoluzione in tutto questo tempo, partendo da testi in italiano, cantati da strAw, fino al passaggio all'inglese con l'internazionalizzazione della band.

Molto prolifici, sono arrivati ormai al loro quinto album in studio: Misfit Children, uscito con la propria etichetta La Valvola, è un concept album di 9 brani dedicato a tutti gli adulti disadattati a causa di un'infanzia difficile, e conseguentemente a tutti i bambini soli nel mondo, diseredati, incompresi, vittime di violenza e soprusi: "i Bambini di oggi che saranno gli Adulti di domani". Dagli ultimi due album è nato anche un romanzo distopico ambientato nella Berlino del 2050, già vincitore di alcuni premi ( Come tutti gli uomini fanno, Lupi Editore). Il brano scelto per la nostra compilation è "Superheroes" mentre ricordiamo che Mimmi, oltre a far parte del nostro staff di recensori, ha prestato il suo piacevolissimo apporto vocale su un brano del duo basso-batteria calabro Grog, incluso nella nostra Instrumental Vs Vocalist Compilation.

Qui il nostro articolo di approfondimento su Misfit Children.

Link band: Sito / Facebook / Ascolto dell'album / Video


ALCA IMPENNE Marilena 2 Aprile 2020 (Singolo)

I campani Lorenzo Abbate (chitarrista e cantante) e il batterista Antonio Originale, fondano il duo Alca Impenne nel 2017 a Quarto, in provincia di Napoli. La loro proposta stoner è vincente su palco e molte sono le occasioni in cui si esibiscono, specie in occasione di Festival. Da subito pubblicano una serie di singoli che verranno infine raccolti nel 2019 nell'omonimo Ep di 4 tracce. E' del 2020 invece il nuovo singolo "Marilena". Se volete approfondire la storia del duo, con biografia, intervista e recensione, rimandiamo al nostro articolo di approfondimento.

Link band: Facebook / Instagram / Ascolto delsingolo / Video

 

ZOLLE Macello (Subsound Records) 3 Aprile 2020 (Lp)

Siamo in piena zona rossa con gli Zolle, duo lodigiano che durante il lockdown primaverile pubblica l'ormai quarto album in studio Macello, registrato dalle abili mani di Giulio Ragno Favero e supportato dalla storica etichetta capitolina Subsound Records. Oltre che in Cd, viene pubblicato in vinili colorati e anche su cassetta.

Marcello Bellina alla chitarra (Morkobot, Viscera) e Stefano Contardi alla batteria, sono i due bontemponi che ci deliziano con la loro goliardia fin dal 2012, anno di fondazione del duo. Il loro è un metal strumentale pesante e quadrato, da loro stessi denominato "Lard Rock" ma alleggerito dal simpatico concept della band, che ci presenta un panorama agreste e la vita contadina tra trattori ed osterie; mitici e da non perdere i video che accompagnano i vari brani; uno spettacolo dei sensi ogni loro live.

"M'Io" è il brano selezionato per questa compilation mentre "L'Ara" è la base su cui si è esibito vocalmente il nostro collega d'Oltremanica Harry Armstrong, del duo Noisepicker, a conclusione della compilation Instrumental Vs Vocalist. Per ogni approfondimento sulla nuova release degli Zolle, il nostro articolo è a completa disposizione, con annessa intervista, video e recensione. E' inoltre da segnalare che la simpaticissima copertina di questa compilation è frutto nientemeno che di Marcello stesso, che con lo pseudonimo Berlikete ha firmato le cover di molti altri artisti, oltre che degli album degli Zolle stessi, ovviamente.

Link band: Sito / Facebook / Ascolto dell'album / Video


GIUDI E QUANI "I Feel Love (Every Million Miles)" The Dead Weather 20 Aprile 2020 (Cover)

Il duo veronese Giudi e Quani è un concentrato di energia, tra la chitarra ruggente di Francesco Quanilli e la voce graffiante dell'esplosiva batterista Giuditta Cestari. Dopo un eponimo full lenght rock d'esordio in chiave soul, con attitudine punk, il duo ha quest'anno registrato in studio le versioni live di quattro cover, interpretate ovviamente alla propria maniera. Le hanno quindi pubblicate in formato videoclip tratti dai vari live in studio. "I Feel Love (Every Million Mile)" dei The Dead Weather, del 20 Aprile, è il brano scelto per la nostra compilation. Gli altri singoli sono "Killing Fileds" dei The Last Internationale (28 Marzo), "Killing in the Name" dei RATM (25 Giugno), mentre risale infine a novembre l'interpretazione di "Rumor Has It" di Adele. Due anni fa ho avuto l'occasione di assistere, per la prima volta, a uno dei loro strepitosi concerti e ne è nato subito un articolo di presentazione del duo: rimando quindi qui per scendere nei dettagli della ricca carriera dei due e per avvicinarsi di più al loro mondo con l'intervista a Francesco e Giuditta.

Link band: Facebook / Spotify / Video

 

GOLD MINERS NIGHT CLUB Gold and Booze (Lp Autoprodotto) 24 Aprile 2020

Federico Capuzzi (chitarra e voce) e Nicola Romano (batteria e cori) vengono da Brescia e dopo la militanza in band comuni si decidono, nel 2016, a fondare un proprio progetto musicale a due. Nel giro di un anno pubblicano un Lp omonimo di 8 tracce mentre è del 2020 l'uscita digitale di Gold and Booze, 11 tracce registrate live che vedono i due destreggiarsi tra Garage e rock'n'roll, Hard Rock e Rock Blues. Si tratta delle storie di altrettanti minatori, raccontate in chiave musicale. L'album è disponibile esclusivamente in versione digitale in quanto la prevista stampa in vinile è stata rimandata a tempi migliori. Tre, invece, i video a contorno dei vari estratti. Nel nostro articolo di presentazione troverete ogni dettaglio per conoscere al meglio la band.

Link band: Facebook / Instagram / Ascolto dell'album / Video

 

DUIMEIR Primo 2 Maggio 2020 (Ep Autoprodotto)

Primo è l'Ep d'esordio dei Duimeir, duo strumentale piemontese fondato nel 2017 dal chitarrista Graziano Giordanengo e da Mauro Tavella alla batteria. Il duo inizia la propria carriera con le cover per passare pian piano alla composizione di brani originali su basi loop-live. Il sound, di base rock, ha contaminazioni pop, blues e psichedeliche e l'album, con andamento nettamente funk, ci delizia per un bel quarto d'ora di ascolto. "Bazar", il brano concesso per la nostra compilation, chiude il trittico dell'Ep pur essendo stato pubblicato originariamente a gennaio 2020 come singolo e presenta una base in loop, stile basso, realizzata con un effetto octave che abbassa il suono della chitarra di due ottave. Di questo brano è anche disponibile un videoclip.

Simpatica coincidenza: il loro logo è una stilizzazione infantile dei due strumenti chitarra e batteria, un po' come il nostro logo Edp, disegnato a suo tempo da una bimba di cinque anni.

Link band: Facebook / Ascolto dell'album / Video

 

ANICE Poems About Destruction  (Coypu Records, DreaminGorilla Rec.) 25 Maggio 2020 (Lp su vinile)

Il duo strumentale Anice viene fondato nel 2011 a Reggio Emilia dal chitarrista Mali Yea e dopo vari assestamenti nell'organico vede oggi alla batteria Nicola Bigliardi. L'Alt Rock da loro proposto ha subito nel tempo vari sviluppi ma mantiene un'impronta di base unica e personale, con sonorità melanconiche e struggenti che rendono ogni brano immediatamente attribuibile alla band. Poems About Destruction è il quinto lavoro discografico in studio ma il primo full lenght. Un Lp di 8 nuovi inediti, questa volta stampato esclusivamente su vinile in 250 copie, grazie al supporto delle etichette discografiche Coypu Records e Dreamingorilla Rec. e la cui quarta traccia "Just Another Song" è stata selezionata per la nostra compilation. Per ogni approfondimento su questo nuovo capitolo del duo, ecco a voi il nostro articolo in tema.

Mali Yea è inoltre un prezioso collaboratore di Edp sia come recensore che come grafico di molte cover delle nostre compilation.

Link band: Facebook / Ascolto dell'album / Video


SDANG! Le crepe nella diga di Itaipu 15 Giugno 2020 (Singolo)

Sdang! è un duo bresciano fondato nel 2014 da due strumentisti navigati e professionisti, il chitarrista Nicola Panteghini e il poli strumentista e compositore Alessandro Pedretti alla batteria. Giunti ormai al loro terzo album, ci propongono un rock strumentale diretto ma colto, nel suo mix di noise, divagazioni prog e ritmiche schematiche math, che riesce comunque a far sognare con l'aggiunta di melodie evocative. L'ultimo album, il full lenght Il paese dei camini spenti, risale al 2018 ma quest'anno i due hanno voluto deliziarci con un singolo che li vede in una nuova veste, più melodica e coinvolgente: Le crepe nella diga di Itaipu. Sarà questa la svolta sonora della band? Solo il futuro ci darà risposta... Intanto rimando al nostro articolo di approfondimento, redatto all'uscita dell'ultimo album, mentre ricordo che il duo ha fornito il brano "Il meccanismo dell'orologio" come base per il featuring della nostra compilation Instrumental Vs Vocalist. E' stato Marcho Gronge, uno dei fondatori della storica band capitolina Zu, a proporre una traccia parlata su questa base, conferendo un taglio d'avanguardia al brano del duo.

Link band: Facebook / Instagram / Bandcamp / Video del singolo 

 

CANI DEI PORTICI Due (Dischi Bervisti e altri) 2016;

Stampa in formato vinile: 17 Giugno 2020

Il duo strumentale postcore Cani dei Portici, fondato a Bologna nel 2014 dagli amici calabri Claudio Adamo e Demetrio Sposinho, è un punto di riferimento per la scena musicale locale. Dopo una partenza in trio, la rivisitazione del vecchio materiale e la composizione di nuovi brani si concretizza nel 2016 con la registrazione di Due, un album cult per l'underground nazionale, che raccoglie 6 brani nel genere MathCore,

deliziato da innumerevoli parentesi di melodica sospensione. Presi come riferimento per nuovi progetti a due e presenti su molti palchi di locali e festival, i Cani non hanno ancora dato alla luce l'invocato sequel in studio, sebbene ci stiano lavorando: giusto gli ultimi 3 giorni di dicembre sono stati dedicati a una lunga session di registrazione. Nell'attesa, però, hanno ovviato quest'anno con una release a sorpresa, la stampa in formato vinile, a tiratura limitata, del loro ben noto album d'esordio. Prodotto dalla nota associazione musicale bolognese Freakout, tutto il ricavato verrà devoluto all'associazione stessa, per far fronte a questo difficile periodo per i locali dediti ai live. Pubblichiamo nella nostra compilation "La gente deve capire", la penultima traccia dell'album. Qui invece il nostro articolo di presentazione del duo in occasione dell'uscita dell'album in formato Cd.

Link band: Facebook / Ascolto dell'album / Video

 

LITTLE PIECES OF MARMELADE Little Pieces of Marmelade

22 Giugno 2020 (Lp autoprodotto)

11 Dicembre 2020 (Sony Music Italy)

Il duo marchigiano Little Pieces of Marmelade (LPOM), fondato nel 2015 da Francesco Antinori alla chitarra e Daniele Ciuffreda alla voce e batteria, è saltato alla ribalta con prepotenza quest'anno grazie alla loro insolita partecipazione ad X Factor, durata fino alla finale. Due amici di lunga data che con la musica si divertono, tra riff orecchiabili, suoni esagerati, attitudine punk e una sana dose di follia. L'omonimo album del 2020 segue un primo Ep di presentazione del 2016 e raccoglie 9 tracce tra psichedelia anni '70 e nu metal di due decenni dopo. I generi di influenza sono vari ma l'impronta del duo è molto personale e definita, caratterizzata da un sound di base rotondo che fa muovere a onda e che li rende, nonostante tutto, apprezzabili anche dal grande pubblico. Un buon duo underground con un tocco di universalità. Cosa succederà alla luce di questo successo lo vedremo solo col tempo. Intanto l'album è stato ristampato a Dicembre, con un numero di 7 tracce, nientemeno che dalla Sony Music nazionale.

Link band: Facebook / Album su Amazon / Video

 

EDP Instrumental Vs Vocalist 30 Giugno 2020 (Compilation)

Anche noi dell'Edp abbiamo ripreso in mano l'organizzazione delle compilation, dopo 4 anni di assenza. L'occasione: il lockdown di primavera; la sfida: aggiungere una traccia vocale a brani di duo strumentali. Con entusiasmo hanno aderito numerosi appartenenti alla community, si sono aggiunti ben tre duo "cugini" basso-batteria e tra i vocalist abbiamo avuto anche qualche intervento non di duo, oppure di duo stranieri. Insomma, splendide collaborazioni, alcune che hanno continuato nel tempo, con video del brano esclusivo per noi di Edp o addirittura con ulteriori progetti. Dopo la pubblicazione su Bandcamp a fine Giugno, abbiamo avuto il piacere di stampare la prima compilation Edp in formato fisico! Un bel Cd uscito il 20 Novembre del medesimo anno. Ma per tutti i dettagli di questo memorabile evento non perdetevi l'articolo specifico.

Link band: Facebook / Ascolto della compilation

 

STEREOID Liveset1 1 Luglio 2020 (Ep autoprodotto)

Siamo a Napoli con Domenico Rea (chitarra e synth) e Luca Norma (batteria, percussioni e synth), i fondatori nel 2018 del duo elettroacustico StereOID. Questo è infatti un combo dalla doppia anima, elettrica ed elettronica, come ben espresso nella cover del loro Ep d'esordio. Fondamentalmente un duo chitarra-batteria, i StereOID mescolano i suoni tradizionali con l'elettronica, fino ad esibirsi, in varie occasioni, con i soli synth. In Liveset1, il loro primo lavoro discografico, i 3 pezzi raccolti ci presentano un duo ancora riconoscibile nella sua matrice chitarra e batteria. Nel frattempo stanno pubblicando nuovi singoli.

Link band: Facebook / Ascolto dell'album / Video


KINGS OF SUBHUMANS The Past is Over 1 Settembre 2020 (LP Autoprodotto)

KoS nasce come duo Grunge/Stoner già nel 2015 ma per la registrazione del primo album Plastic Sinner si trasforma in trio, con l'aggiunta di un bassista. L'organico torna quindi definitivamente al duo, composto da Mark Jordan Mendax (chitarra, voce e testi) e Angelo Palma (batteria) visto che il loro AltRock aggressivo, venato di noise, rende alla grande anche così. Questa è la formazione che li porta a pubblicare quest'anno il primo Lp a due teste, The Past is Over, ben 10 pezzi, anticipati a Maggio dal singolo "Upsidedown", che potete ascoltare su Spotify o nel loro canale youtube. Dalla title track dell'album è stato girato anche un videoclip.

Link band: Facebook / Ascolto dell'album / Video


DISSOCIATIVE TV Insomnia Day (Norway Records) 8 Settembre 2020 (Lp)

Alessandro De Cecco alla chitarra e voce e la compagna di vita Jessica Bortoluzzi alla batteria, sono i fondatori di questo duo friulano che compone e suona brani orecchiabili e diretti di matrice punk. I Dissociative Tv nascono come duo nel 2017 e da allora hanno composto numerosi brani, raccolti in ben quattro full lenght, l'ultimo dei quali, Insomnia Day, ha visto la luce a settembre 2020 ed è pubblicato su Spotify: l'originalità è che presenta 9 pezzi in inglese intercalati dalla loro versione in friulano. "So" è il brano che potete trovare in questa nostra compilation, con i due componenti invertiti agli strumenti; Qui il nostro articolo di presentazione del duo.

Link band: Facebook / Ascolto dell'album / Video

 

SONNY AND THE STORK Nihil Difficile Volenti  18 Settembre 2020 (Lp autoprodotto)

Il duo Sonny & The Stork nasce in provincia di Vercelli nel 2014 dall'unione musicale di Diego Vermiglio (chitarra e voce) e Giuseppe Pagnone (batteria). Il loro alt rock cantato in italiano si alterna al grunge e a una certa dose di psichedelia mentre i testi hanno sempre il loro peso: parlano del disagio del vivere quotidiano proponendo però, nel contempo, soluzioni positive. Dopo Dimenticati e Ritrovati, l'album d'esordio che esce nel 2016, è adesso l'ora di un altro full lenght, maturato nel tempo e coordinato nei suoni dal produttore Livio Magnini, chitarrista dei Bluvertigo. Questo album, composto prima della comparsa della pandemia che ha caratterizzato il 2020, contiene tematiche quasi profetiche ed attuali, che si possono adattare anche a questo incredibile periodo storico. Nihil Difficile Volenti è invece il suo titolo a dimostrazione di quanto il messaggio positivo sia caratteristico della band. Nulla è impossibile, se lo si desidera veramente, è uno slogan di stimolo per continuare ad evolversi e migliorare, nonostante ogni avversità. Ben tre i videoclip ad anticipazione dell'album, ma per ogni approfondimento sul duo e il loro nuovo album, rimandiamo al nostro articolo di recente pubblicazione. Nel frattempo, il 28 dicembre viene pubblicato un ulteriore Ep di 4 tracce live, registrate al Circolo Arci Monolite Gattinara (Vc) nel 2016. Sul profilo Spotify del duo, inoltre, è presente una playlist con i brani della nostra compilation.

Link band: Facebook / Instagram / Bandcamp / Ascolto dell'album / Video

 

NITRITONO Eremo 2 Novembre 2020 (Lp, I Dischi del Minollo, Shove Records, Vollmer Industries, Brigante Records & Productions, Longrail Records)

Eremo è il terzo episodio discografico del duo da Varallo (CU) Nitritono, fondato nel 2012 da Sir Siro Giri alla chitarra e Luca Lavernicocca alla batteria. Si tratta di un concept album che raccoglie sei tracce strumentali post-rock in un elogio alla natura solitaria e selvaggia che tanto affascina i due compositori. Con tratti marcatamente noise, sludge, psichedelici e l'ausilio dell'elettronica, si dipingono scenari specifici, come il Monviso ("Il Re di pietra"), il santuario di Samos, una delle tappe più difficili del cammino di Santiago di Compostela, fino al "Costa da Morte", nel nord della Galizia, una delle zone marine più impervie della Terra: questa brano a conclusione dell'album è una bella collaborazione con l'amico Enrico Cerrato, in arte Petrolio. Nella nostra compilation abbiamo invece il piacere di ospitare "Passo di Terre Nere", la terza traccia dell'album, che fa da gloriosa chiusura a questa presentazione delle pubblicazioni discografiche dell'anno appena trascorso.

Link band: Facebook / Ascolto dell'album / Video

 

SAN LEO Mantracore 13 Novembre 2020 (LP, Bronson Recordings)

San Leo, rocca di prigionia del noto esoterista Conte di Cagliostro, dà nome al duo riminese fondato nel 2013 da Marco Tabellini (chitarra) e Marco "Inserirefloppino" Migani (batteria). La loro musica è molto personale e identificativa del duo e viene intesa come forza alchemica in grado di trasformare le coscienze. I vari lavori discografici ci presentano lunghe composizioni strumentali che tra elegiaci momenti sospesi e scoppi di energia ci trasportano in un ipnotico e liberatorio viaggio extra sensoriale. Dopo la trilogia di  XXIV (2015), DOM (2017) e Y (2019), quest'anno i due Marco ci deliziano con Mantracore (come il nome del loro genere musicale), un album stampato in cd e vinile (edizione deluxe su oro marmorizzato) composto da due suite, una per lato. I ragazzi stanno continuando ad esplorare e il loro suono diventa sempre più un mix di Kraut rock, psichedelia, metal ad elettronica. Per ovvi motivi di lunghezza non si è potuto includere uno dei brani nella nostra compilation, ma per ascoltare la musica dei San Leo ed approfondire il concept dei loro album, rimando all'ultimo articolo da noi pubblicato sulla band (qui) nonché ad un estratto in formato videoclip dell'album sopra citato.

Link band: Facebook / Ascolto dell'album / Video


DE DUE DUO Ü 23 Dicembre 2020 (Split album, autoprodotto)

Alle soglie del Natale esce questo split album punk dal titolo Ü dei Trentini De Due Duo in compagnia del trio Patrick: tre brani a testa per loro. Legati a doppia mandata, i chitarristi delle due band suonano il basso e chitarra nella band Le Mosche di Miyagi da una decina di anni. I De Due Duo sono invece Dario Cappelletti (chitarra e voce) e Luca Zadra (batteria), nati a Trento nel 2017. Questa è per ora la loro prima pubblicazione discografica, da cui anche un video live.

Link band: Facebook / Ascolto dell'album / Video



Articolo ad opera di GiusyElle

www.facebook.com/groups/electricduoproject

electricduoproject@gmail.com

 

venerdì 25 dicembre 2020

220. ELENCO ARTICOLI 2020

 LISTA ARTICOLI Edp 2019

 

Un altro anno è passato, e di quelli storici! Un 2020 a sorpresa, duro per tutti. Nessuno l'ha trascorso indenne, scottato dal virus influenzale Covid-19 oppure dalle restrizioni causate dai vari lockdown. Un anno sicuramente terribile per quanto riguarda il mondo dello spettacolo, improvvisamente bloccato, con una breve parentesi di respiro giusto in estate. Eppure il mondo non si è fermato, e i musicisti con lui. Gli album in programma sono stati tutti egualmente pubblicati mentre a noi di Edp, la pausa forzata di primavera ci ha dato tempo per ripartire con le compilation, ferme da ben quattro anni. L'insolita occasione ha permesso ai duo di creare canzoni nuove per questa occasione, con delle collaborazioni esclusive e memorabili per noi della community.

L'attività giornalistica si è rallentata per dar spazio all'organizzazione di questo evento ma entro la fine dell'anno ci siamo messi in pari con la presentazione dei duo in sospeso. A conti fatti abbiamo pubblicato ben 26 articoli tra cui la presentazione di 6 nuovi duo, altri 6 aggiornamenti, 12 recensioni, abbiamo trattato della nuova compilation oltre che pubblicato una lista ordinata dei ben 200 articoli che hanno visto la luce dal 2012 ad oggi. Qui a seguire un riassunto di ogni post, che se vi è sfuggito durante l'anno o avete voglia di rileggere, può riempire le giornate festive di questo periodo natalizio 2020. Buona lettura e buona musica a tutti. Che il 2021 sia l'anno dei live!

 

 ELENCO ARTICOLI 2020

195) La natura selvaggia e gloriosa dei THE HAUNTING GREEN (22.2.2020) Iniziamo l'anno con la presentazione di un duo friulano dalla musica intensa e dal messaggio profondo: loro sono gli Haunting Green, ossia Cristiano Perin alla chitarra e Chantal Fresco alla batteria. Ingegnere della bioedilizia l'uno e attivista per la salvaguardia del fiume Tagliamento l'altra, lanciano un messaggio impellente con la propria musica, quello di salvaguardare la Natura prima che sia troppo tardi, anche se, nella visione pessimistica/realistica della realtà, secondo loro il punto di non ritorno è già stato superato...

196) RECENSIONE68: Natural Extinctionby The Haunting Green  (22.2.2020) Dopo un Ep d'esordio (2014) a due anni dalla fondazione del duo, Natural Extinction (2019, Psychedelic Dirge Records) è la prova sulla lunga distanza. E che prova! Un bel Black Metal, di nordica memoria, che sviluppa le sue 7 tracce tra arpeggi, sonorità sospese e qualche intervento growl. Recensito per noi dall'attivissimo Cesare Businaro.

197) OVO: vent'anni e non sentirli... (25.3.2020) Siamo arrivati al ventesimo anno della carriera musicale di questo iconico duo, votato alla dimensione live e conosciuto, seppur da un pubblico di nicchia, nel mondo intero. Miasma, in maniera quasi profetica, annuncia il periodo subdolo che si stava stagliando all'orizzonte. Uscito in un momento in cui si era ormai pienamente coscienti dell'infausta presenza del virus influenzale covid-19, Stefania Pedretti e Bruno Dorella arrivano appena ad iniziare il loro tour europeo che presto devono interromperlo: per questioni di sicurezza ma anche per non dover restare bloccati al di fuori dei confini nazionali. Verrà ripreso a fine estate, dopo che i due erano riusciti comunque ad inanellare una serie di live con i propri progetti paralleli, durante l'estate.

198) RECENSIONE69: Miasma by OvO  (25.3.2020) Rappresentanti del noise più estremo, gli OvO sono riusciti ad essere più che credibili con i loro semplici strumenti, dove la batteria di Bruno era oltremodo ridotta all'osso. Figli del loro tempo ma abili nell'adattarsi alle nuove tendenze, con l'Lp Abisso del 2019 introducono invece l'uso dell'elettronica nel loro set minimalista con un risultato assolutamente personale ed inatteso: l'elettronica infatti non è soltanto un accessorio da affiancare agli strumenti canonici, il loro è un sopraffine lavoro di integrazione dei suoni fino a raggiungere un'amalgama personale e distintiva. Da questo momento, che segna uno spartiacque nella produzione musicale dei due, gli album a seguire ricalcano tale via, approfondendo sempre più l'argomento. Dopo un trittico di album, l'evoluzione successiva, anticipata dal duo stesso, doveva essere la conversione totale all'elettronica ma il nuovo materiale, mirabilmente elaborato da Giulio Favero, il compagno di fiducia di questi ultimi anni, prende una tale corposità e grado di "lordura" da soddisfare talmente la band da rimanere nel percorso tracciato nella loro seconda fase musicale. Recensione di Giacomo Guidetti (Ka).

199) RAI'SE: la forza della natura (11.4.2020) Nuovo duo sebbene di musicisti navigati, i Rai'se nascono nel vicentino dall'unione del chitarrista milanese Fabio Silevestri e del batterista Luca Brunello, già nei Mangia Margot. Propongono un post-core strumentale molto sentito, con il quale vogliono elogiare la forza della Natura ed auspicare un ritorno dell'Uomo alla sua matrice più primitiva: in questo senso il messaggio è molto vicino ai colleghi friulani The Haunting Green. Anche la musica dei due gruppi è similmente potente ed elegiaca, sebbene i Raìse prediligano un timing più serrato per le proprie composizioni. La loro traccia "Commuovelalegge" inoltre, dedicata alla figura dell'anarchico Bartolomeo Vanzetti, compare nella nostra compilation di quest'anno in featuring con Stefania Pedretti, l'incredibile vocalist degli OvO.

200) RECENSIONE70: Crepa! by Raise  (11.4.2020) La Crepa è una fessura, la fenditoia attraverso la quale possiamo avere un barlume del mondo naturale che abbiamo abbandonato, in nome dello sviluppo tecnologico. Una crepa nel muro che nei secoli abbiamo costruito e consolidato e che ci isola ed allontana sempre più dal mondo naturale dal quale proveniamo e al quale dovremmo essere intimamente connessi. Questo il concept dietro al bell'album strumentale di 6 tracce, mirabilmente prodotto, mixato e masterizzato da A. Charlie Di Carlo all'Haunted Studio. Il disco doveva vedere la luce nel tardo 2019, ma per motivi vari viene pubblicato soltanto a fine febbraio 2020; recensione ad opera di Cesare Businaro.

201) 200 Articoli: indice (16.4.2020)  Visto che ho impostato male il mio "sito", aprendo in realtà un blog a cascata, sento sempre la mancanza di un indice facilmente consultabile. Con l'occasione del traguardo dei 200 articoli pubblicati, ho messo un po' d'ordine nei link, raggruppando i vari post in ordine alfabetico delle band e degli argomenti trattati. Una bella panoramica sul lavoro "giornalistico" portato avanti dalla sottoscritta dal 2012 ad oggi.

202) I-TAKI MAKI for Children e Video Premiere (27.4.2020) I nostri amici I-Taki Maki, ciociari ormai stabilizzati a Berlino, continuano a sfornare materiale discografico arrivando al loro quinto LP in studio, un concept album dedicato ai bambini bistrattati di tutto il mondo ma anche agli adulti disadattati a causa di un'infanzia difficile. Un argomento denso e sentito, come gli ultimi affrontati negli album precedenti, tutti imperniati su tematiche sociali. Questo articolo è anche l'occasione per presentare il loro terzo video, tratto dalla traccia di apertura dell'album. La batterista Mimmi è anche autrice di un romanzo di recentissima pubblicazione e già vincitore di un paio di concorsi letterari (Come tutti gli uomini fanno, Lupi Editore), nato dalla sua competenza di sociologa e ispirato dalla sua stessa condizione di emigrata: ci dipinge una serie di intimi cammei, personaggi approdati a Berlino per i motivi più disparati, realmente incontrati dall'autrice stessa.

203) RECENSIONE71: Misfit Children by I-Taki Maki (27.4.2020) Approfondimento dell'album Misfit Children con la recensione del nostro collaboratore Mali Yea.

204) ROUGH ENOUGH: rudi quanto basta(13.5.2020) I Rough Enough sono un duo alt-rock catanese fondato nel 2017 dal chitarrista Fabiano Gulisano che si assesta ora in formazione con il batterista Raffaele Auteri. Band con grande resa su palco, partecipano a festival vari, aprono per band importanti ma incidono in poco tempo anche due LP: l'ultimo, Molto poco zen, esce per l'etichetta OverDub Recordings ed è un omaggio al garage punk di storica memoria. I due sono comunque già in lavorazione del nuovo album che li vedrà alle prese con sonorità più vicine al post rock/noise di matrice anni '90.

205)RECENSIONE72: Molto poco Zen by Rough Enough (13.5.2020) Recensione di Molto Poco Zen ad opera di Cesare Businaro. L'labum è composto da 11 brani, cantati in italiano, che trattano dell'uomo in sé e il suo sentire, soprattutto il suo soffrire. Una tematica sviluppata da molti duo in questo periodo, penso per esempio ai Sonny & The Stork.

206) MARMO e "Viceversa" (Recensione73) (8.6.2020) Le sonorità post metal anni '90 stanno alla base della musica dei Marmo che, fondati nel 2014 a Forlì da Campione Frizzino (chitarra) e Gianluca Piras (pelli), e con la supervisione di un terzo elemento, tale Paolo il Faro, pubblicano ad oggi il quarto Ep, un 4 pezzi rilasciato nella sola versione digitale. Raccomandato per i nostalgici di Helmet, Melvins e Pelican. Recensione ad opera del nostro Nicola Cigolini.

207) INSTRUMENTAL Vs VOCALISTCompilation (28.6.2020) Il lockdown di primavera ci ha dato il tempo per dedicarci all'organizzazione di una nuova compilation, progetto che avevamo affrontato l'ultima volta ben quattro anni fa. In questa occasione abbiamo osato di più, chiedendo ai membri della community una composizione originale. In realtà frutto di featuring. Vista infatti la grande quantità di duo strumentali, ho proposto a loro di dare a disposizione una propria traccia e ai vari cantanti di aggiungere il proprio contributo vocale. L'entusiasmo per la proposta è stato grande e ne sono uscite mirabili collaborazioni: c'è chi ha richiesto un collega specifico, chi ha aproffittato di concretizzare un featuring da lungo tempo in cantiere, chi ho abbinato personalmente intuendo un comune sentire. Dieci le tracce strumentali, seguite dagli altrettanti featuring, pubblicate sul nostro profilo Bandcamp. A Novembre il tutto si è poi concretizzato nella stampa fisica del nostro primo Cd, che raccoglie i dieci brani rielaborati, distribuito tra i vari aderenti alla compilation, per una divulgazione ancora più massiccia della musica dei duo. Instrumental Vs Vocalist è una vera chicca, una raccolta di spledide collaborazioni che dimostrano l'abilità e la professionalità dei vari partecipanti ma anche il grado di coesione raggiunto dalla nostra community. In questo articolo potete trovare i dettagli di tutti i partecipanti (per la prima volta anche tre duo basso-batteria) e i link ai numerosi video scaturiti da queste nuove tracce.

208) Che Macello questi ZOLLE! (11.7.2020) Lo storico duo lodigiano Marcello Bellina-Stefano Contardi esce quest'anno con il quarto album in studio, un Lp di 9 tracce profeticamente intitolato Macello. Esce infatti in piena pandemia, in pieno lockdown e in piena zona rossa, più macello di così! Nonostante il tour di promozione venga completamente compromesso, i due non ci deludono con le proprie composizioni, all'altezza delle aspettative. Un Hard Rock/Heavy Metal strumentale, lento e possente, a marchio distintivo della band, pubblicato per la riconfermata Subsound Records, e che si arrichisce, questa volta, di qualche intervento vocale. Simpatico il video dell'opening track, in formato fumettistico, che non tradisce l'anima goliardica del duo. Con l'ausilio vocale del collega oltremanica Harry Armstrong, gli Zolle chiudono le dieci tracce della nostra Feat Compilation.

209) RECEN74: Macello by Zolle(11.7.2020) E' compito dell'instancabile Nicola Cigolini introdurvi nei meandri dell'album Macello con la sua recensione. Ricordiamo che tutti i nostri articoli sono corredati di link di ascolto all'album, collegamento ai video e intervista con i musicisti della monografia.

210) La poetica romantica degli ANICE (23.8.2020) Il chitarrista Mali Yea, cinese di seconda generazione, viene da Reggio Emilia e dopo una carriera nel mondo dello skate, si dedica alla sua seconda passione: la musica. Fonda nel 2011 il suo duo alt-rock Anice che però riesce a raggiungere una stabilità di formazione solo in questo ultimo periodo, in compagnia del batterista Nicola Bigliardi. Dopo un nove tracce d'esordio, due Ep e un terzo da solista, seppure sempre con il nome di Anice, è ora finalmente l'ora della pubblicazione di un bel Long Playing, dal titolo Poems About Destruction. Il duo ci catapulta in un mondo etereo e sospeso, a volte scosso da momenti più corposi, una poesia sonora che tra elettronica ambient, interventi drone ed arpeggi vari, ci parla della china distruttiva intrapresa dalla razza umana, senza mai però giudicare, criticare, intervenire in alcun modo. Il concept dell'album è soltanto uno stato di constatazione, da cui l'aura melanconica delle composizioni. Mali è recensore Edp e nostro grafico in varie occasioni: suo è per esempio l'artwork della nostra Feat Compilation.

211) RECEN75: Poems About Destruction by Anice (23.8.2020) Uscito per la Coypu Records in abbinata con la DreaminGorilla, l'album viene pubblicato in digitale su Bandcamp e in esclusivo formato fisico di vinile, in tiratura limitata. Un piccolo traguardo prezioso per il duo, il cui contenuto viene qui recensito dalla nostra collaboratrice Mimmi, al suo esordio per Edp.

212) Il volo degli ALCA IMPENNE (14.9.2020) Questo giovane duo da Napoli (Lorenzo Abbate e Antonio Originale), di recente formazione, ci delizia con un rock dalle coordinate anni '90, un mix di stoner, grunge e psichedelia, cantato in italiano, che dopo la pubblicazione di alcuni singoli si concretizza nel primo omonimo Ep. Dalla vincente resa su palco, sono molti i festival e gli opening live che li vedono protagonisti. Due gli Official Video a coronamento delle loro composizioni.

213) RECEN76: Alca Impenne -Ep omonimo (14.9.2020) E' il fan di Edp Cesare Businaro, nostro prezioso recensore, a farvi da guida nella musica degli Alca Impenne, storico e ormai estinto volatile della famiglia dei pinguini, che è stato scelto dal duo come simbolo del rock, longevo genere musicale a rischio d'estinzione. Ma fino a che ci sono giovani intenti a perpetuarne la memoria, c'è ancora molta speranza di lunga vita.

214) VULBO: dalla Tetra Dimesione ai palchi nostrani + video Premiere (11.10.2020) Vulbo, duo improbabile ma vincente, spensierato ma professionale, divertente ma seriamente impegnato, è il protagonista di questa mononografia. I suoi fondatori sono Alessandro Frosio e Antonio Cassella che, distanziati da 13 anni di età ma accomunati da un medesimo modo di intendere la musica, fondano il duo a Bergamo nel 2017. E cosa ci fanno ascoltare? Un "math-metal bluesettone con un po' di noise" come amano definirlo essi stessi... strumentale ma sempre un po' ballabile e strutturato in forma canzone tanto da diventare una chicca con l'intervento vocale dei Milf nel featuring per la nostra compilation. Vulbo poi è un personaggio di fantasia, un mezzo mostro che vive nella Tetra Dimensione e alle cui ipotetiche avventure si rifanno i due per la composizione dei vari brani. I disegni di Vulbo sono opera di Alessandro stesso, come il secondo video tratto dall'omonimo Ep, che abbiamo l'onore di ospitare qui in anteprima. Intervista con i due mattacchioni.

215) RECEN77: Vulbo -Ep omonimo (11.10.2020) E' ancora Nicola Cigolini ad approfondire l'ennesimo album per noi di Edp, un 7 tracce autoprodotto che viene personalizzato con una scritta a pennarello su ogni Cd.

216) La nuova pepita dei GOLD MINERS NIGHT CLUB (24.10.2020) Il locale notturno dove i minatori d'oro vanno a straviarsi dopo una dura giornata di lavoro è l'ipotetica location che ha dato nome a questo duo, nato a Brescia nel 2016 da due amici che già suonavano assieme: Federico Capuzzi (chitarra e voce) e Nicola Romano (batteria e cori). Giunti al secondo album autoprodotto, mantengono le coordinate rock blues, alternando brani in puro stile rock'n'roll ad altri più hard rock. Tre i video a coronazione del disco, tutti visionabili da questo articolo, dove potete accedere anche all'intervista ai musicisti del duo.

217) RECEN78: Gold and Booze by GoldMiners Night Club (24.10.2020) Gli 11 brani che compongono questo album sono le ipotetiche storie di altrettanti minatori che si incontrano la sera al club per una bevuta e che ci raccontano i loro drammi in chiave rock'n'roll. L'album si può ascoltare in streaming sul profilo Bandcamp del duo e non è seguito da alcun supporto fisico. Era prevista la pubblicazione in vinile, ma visto l'anno nefasto per i live, la stampa è stata rimandata a tempi migliori. E' compito del nostro amatissimo Bob Cillo (Dirty Trainload) accompagnarci nei meandri di questo disco nato dalla polver e sudore del lontano West.

218) Nulla è difficile per i SONNY & THE STORK (8.12.2020) Con i Sonny & The Stork (Varallo -VC- 2014) ci eravamo già incontrati nei nostri spazi virtuali in occasione dell'uscita del loro primo album; replichiamo ora per il nuovo Nihil difficile volenti, arricchito nei suoni dalla produzione di Livio Magnini (Bluvertigo). Diego Vermiglio e Giuseppe Pagnone, in queste 8 tracce di alt-rock cantato in italiano,  ci parlano della sofferenza dei singoli, dei loro drammi e paure, ma anche della possibilità di risolvere ogni conflitto individuale, come suggerito dal titolo dell'album. Tre i video ad anticipazione del disco, due dei quali arrangiati in fase di lockdown. I Sonny & the Stork non sanno arrendersi di fronte a nessuna difficoltà! Ne parliamo con diego, portavoce per il duo nella nostra intervista.

219) RECEN79: Nihil difficile volenti by Sonny & The Stork (8.12.2020) Eccoci all'ultima recensione del  2020, la prima per il nostro nuovo collaboratore Matteo Manganelli.

220) ELENCO POST 2020  (26.12.2020) Eccoci qui...

 

 

Articolo a cura di Giusy Elle

www.facebook.com/groups/electricduoproject

electricduoproject@gmail.com


 

 

 

martedì 8 dicembre 2020

219. RECENSIONE79: Nihil dificile volenti by Sonny & The Stork

LISTA RECENSORI 

Sonny & The Stork è un duo fondato nel 2014 a Varallo (VC) da Diego Vermiglio (chitarra e voce) e Giuseppe Pagnone (batteria). Nihil difficile volenti è il secondo Lp che vede la luce a settembre 2020, a distanza di 4 anni dal disco d'esordio Dimenticati e ritrovati.

Otto tracce di rock dalle sfumature varie (altrock, grunge, psichedelia) cantato in italiano e nato sotto la supervisione di Livio Magnini (Bluvertigo) nella figura di produttore esecutivo. Fondamentale il suo contributo per dare una sferzata di potenza al suono di chitarra di Diego che vede ora l'aggiunta di pedalini vari ma soprattutto di un ampli da basso oltre quello di chitarra.

I testi dei brani trattano tematiche sociali, dalla migrazione all'influenza dei media nella nostra vita, e sebbene l'album sia stato registrato prima del lockdown, molti dei contenuti appaiono ancor più attuali alla luce delle incredibili novità di questo 2020. Interessante il brano di chiusura del disco, un featuring con l'amico rumorista Enkil, che li trasporta al confine della loro zona di confort musicale.

Tre i videoclip, inoltre, ad anticipazione dell'album, due dei quali improvvisati durante il lockdown ma dall'ottima resa. Trovate tutti i particolari in merito nell'articolo appena pubblicato, dove abbiamo avuto il piacere di raggiungere il chitarrista Diego per una piacevole chiacchierata (qui).

L'album esce autoprodotto ma gode della distribuzione della Pirames International nonchè del supporto della BlackPoisPromotion di Antonella Lavini.


Video: "A Scanner Darkly" / "Erisimo" / "La coperta di Linus"

Contatti band: Facebook / InstagramSpotify / Bandcamp / YoutubeChannel

 

Nihil difficile volenti credits:

Registrazioni, mix, produzione artistica: Livio Magnini

Master: Giovanni Versari (La Maestà Mastering)

Disegno e illustrazione a cura di Mattia Ronco

Artwork a cura di Diego Vermiglio

Pubblicato il 18 Settembre 2020

Formato: Cd (tiratura limitata 100 copie) e digitale

Distribuzione: Pirames International

 

Qui lo ascolti 

Nihil difficile volenti 2020

Autoprodotto

(AltRock)

 1. Le Big Bang  2. Gioco a somma zero  3. A Scanner Darkly 

4. L'elenco delle bocche inutili  5. La coperta di Linus 6. Erisimo 

7. La prima nozione di Euclide  8. Virgulto (feat. Enkil)

 

RECENSIONE: SONNY & THE STORK "Nihil difficile volenti" (Lp 2020 Autoprodotto)

 

Non è facile riuscire a rendere pieno il proprio suono con una formazione ridotta all'osso per quel che riguarda l'ambito rock. Una chitarra, una batteria e una voce. Questo invece basta a Sonny and the Stork, duo piemontese che presenta il nuovo lavoro “Nihil difficile volenti”, titolo che suona decisamente come una sfida e dichiarazione di intenti al tempo stesso.

Piacciono quando si inerpicano su riff vagamente stoner e dal tiro tipicamente rock'n roll, come “A scanner darkly” (che il testo si rifaccia in minima parte al capolavoro di Dick, e la sua ottima trasposizione cinematografica ad opera di Linklater?), un pezzo breve e diretto dove le parole risultano perfettamente incastrate nel groove generale.

Analogamente accade in “Erisimo”, veloce e ben costruita, con una bella melodia e un ritornello a presa rapida, che mi ha ricordato qualcosa dei Sux!, storico gruppo milanese underground e mai giustamente riconosciuto.

Piacevole anche “Gioco a somma zero”, in cui i bpm diminuiscono ma rimane solida la costruzione del brano, arricchito da azzeccate soluzioni vocali e una precisa sezione ritmica.

Meno a fuoco, a personale gusto di chi scrive, “La coperta di Linus”, che soffre un po' troppo della derivazione di certo rock alternativo italiano “d'autore” e vagamente grunge, in cui le parole non suonano bene come si vorrebbe, rendendo la canzone meno coinvolgente rispetto ad altre presenti all'interno del pur breve disco.

Le tracce strumentali, per quanto bene eseguite, rimangono dei riempitivi che non aggiungono molto all'economia complessiva del disco, che in totale rimane dunque interessante, ottimamente registrato e mostra delle buone potenzialità da parte di questo duo.

Menzione d'onore per il packaging, cosa ormai rara in un'era completamente schiava dell' “hic et nunc” in cui si ascoltano mediamente 30 secondi di ogni pezzo su spotify, e l'idea fisica di disco va piano piano a scomparire.

Matteo Manganelli

 

Articolo ad opera di Giusy Elle

www.facebook.com/groups/ElectricDuoProject

electricduoproject@gmail.com